Centro di Formazione e Ricerca in Analisi Transazionale
Centro di Formazione e Ricerca in Analisi Transazionale

 

Conclusioni

 

 

La teoria dei giochi di Berne stabilisce un modello iniziale per comprendere il complesso processo intersoggettivo e i modi con cui noi reclutiamo l’altro per eseguire le parti nelle storie delle nostre vite. I suoi metodi si focalizzano maggiormente sulle strategie consapevoli cognitive, che sono valide per i giochi di primo grado e per la terapia di gruppo.

Spero che questo articolo possa contribuire a favorire una discussione in corso per lavorare con queste dinamiche dolorose e ricorrenti. Mi sono focalizzata sugli aspetti bidirezionali e non consci dei giochi in quanto questi si svolgono sul palcoscenico tra paziente e terapeuta. Lo schema che ho delineato propone tre modi di usare il controtransfert come una risorsa di informazioni per occuparsi di: (1) sentimenti e pensieri consci nei giochi di primo grado; (2) linguaggio simbolico non verbali, come le immagini, nei giochi di secondo grado; e (3) l’attivazione fisiologica con i giochi di terzo grado. La tabella 1 pone in relazione le idee di Berne sui gradi dei giochi con il modello di Bucci e i livelli di enactment di Britton. Questi modelli non sono equivalenti ma insieme possono offrire delle linee- guida nel lavoro con i giochi, come funzione di una comunicazione a più livelli.

Le mie brevi illustrazioni di questo processo suggeriscono più facilmente ciò che la realtà clinica presenta. Le immagini non sempre si connettono in modo ordinato ai significati, i nuovi significati possono essere profondamente inquietanti, l'esperienza viscerale è sempre allarmante, e l’identificazione di emozioni non simbolizzate di solito comporta una lotta intrapsichica con parti del sé che non vogliamo riconoscere. Nel bel mezzo di questo processo con il cliente, tendo a scartare una dozzina di risposte piuttosto soddisfacenti, togliendo ogni strato come un geco perde la pelle, finché non trovo qualcosa di crudo [grezzo ndt] all’interno. La risposta autentica spesso arriva “non invitata” (Stern, 2010, p. 138), come un ospite inaspettato nella notte, piuttosto che essere qualcosa di ricercato consapevolmente. Nella migliore delle ipotesi, possiamo essere accoglienti e aperti nei confronti di questo ospite inaspettato. Possiamo mantenere la porta aperta e imparare a

dare il benvenuto al disagio in questo lavoro, o almeno lasciarlo vivere lì. Come Searles

(1986/2004) ha compreso, la volontà di padroneggiare la propria esperienza soggettiva è forse il punto di maggiore forza del terapeuta.

La mia esperienza conferma la conclusione di Boesky (1990): “Se l’analista non si rende

emotivamente coinvolto presto o tardi, in un modo che non aveva previsto, l'analisi non procederà verso una conclusione positiva" (p. 573). Quello che possiamo fare in seguito con il nostro coinvolgimento emotivo è la chiave per usare i giochi e gli enactment come esperienze trasformative. L’abilità del terapeuta di collegare le emozioni incongrue e dissociate all’interno di sè può favorire la coerenza narrativa all'interno del cliente e in ultima analisi il senso di sé agente.

Invece di spiegare la verità di un gioco, l'obiettivo è quello di consolidare la capacità del cliente a simbolizzare l'esperienza o di tessere storie di vita che siano tollerabili e cariche di significato.

 

Tabella 1. Una guida per lavorare con i controtransfer

 

Berne (1961):

i gradi di intensità dei giochi

Britton (2007):

Livelli di enactment

Bucci (2001):

sistemi di conoscenza

Fenomenologia del controtransfert

Primo Grado

Enactment simbolico di un pensiero organizzato

Simbolico verbale: parole

Consapevolezza che qualcosa non quadra: sentimenti consci

Secondo Grado

Azione come alternativa al pensare e al sentire

Simbolico non verbale: immagini

Consapevolezza che qualcosa non va senza sapere di cosa si tratta

Terzo Grado

Evacuazione di esperienza non formulata

Subsimbolico: sistemi somatici, sensoriali, motori

Esperienza viscerale e perdita di capacità riflessiva

 

 

Visita la nostra pagina Facebook!

Se avete domande o richieste compilate il modulo online.

 

 

 

 

 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2013 EleutheriAT Via Dandolo 24 00153 Roma